Un Barattolo Mostruoso nº2 (riassunto) Piccoli Brividi

Ben tornati lettori del mio blog in questo nuovissimo articolo dedicato ai Piccoli Brividi. Come detto in passato, oggi vi parlerò del seguito de “Un Barattolo Mostruoso”, ossia “Un Barattolo Mostruoso nº2”. Buona lettura!

RIASSUNTO:

Evan Ross ora vive ad Atlanta. Nella sua nuova scuola c’è un insegnante di scienze che lui detesta: il signor Murphy. Nella classe di scienze c’è un criceto ed Evan è stato incaricato di controllarlo dopo le lezioni, Cuddles. Evan scopre che nella città c’è anche una sua amica Andrea (Andy) che ha con sé il Sangue di Mostro. Per gioco Andy convince Evan a far mangiare a Cuddles, l’amato criceto del signor Murphy, questa sostanza e in seguito si accorgono che l’animale inizia a crescere. In un primo momento, la crescita del criceto è lenta per cui il signor Murphy sgrida Evan per aver dato troppo cibo all’animale. Ma col passare dei giorni il criceto cresce a dismisura, diventando grande prima come un cane e poi quanto un elefante e finendo per terrorizzare i ragazzi nell’aula di scienze, difesi dal signor Murphy. Evan ed Andy cercano dei modi per riuscire a sconfiggere il criceto e allora Evan mangia a sua volta il Sangue di Mostro così da crescere tanto quanto Cuddles e poterlo affrontare ad armi pari. Evan viene sopraffatto, ma quando tutto ormai sembra perduto si scopre che il Sangue di Mostro è scaduto proprio quel giorno per cui Evan e Cuddles ritornano di dimensioni normali. Come ricompensa il signor Murphy regala ad Evan il piccolo Cuddles. I genitori di Andy, residenti in Europa, scoprono che c’è in circolazione un altro barattolo contenente il Sangue di Mostro; ricordandosi di come la figlia si fosse divertita con il primo barattolo, ne invieranno prontamente uno nuovo per la sorpresa dei due amici: infatti il libro si conclude con Cuddles, sul tappeto di casa, che mangia il Sangue di Mostro.

Questa storia continuerà in “Un Barattolo Mostruoso nº3” e in “Un Barattolo Mostruoso nº4”, quindi vi consiglio di rimanere attivi su questo Blog per non perdervi il continuo di questa affascinante storia. A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...